A un anno dalla sua uscita, Michele Colucci (CNR-ISMed) continua a riscuotere premi e grandi consensi con il volume “Storia dell’immigrazione straniera in Italia. Dal 1945 ai nostri giorni (Carocci, 2018)”.

 

Giunto alla sesta ristampa, lo scorso 28 settembre ha ricevuto a Grottole (Matera) il primo premio al Memorial Letterario “Antonietta Rongone” III Edizione, per la sezione “storie di emigrazione e di immigrazione”. Nei mesi precedenti ha ottenuto il Premio Feudo di Maida per la sezione "culture mediterranee" ed è nella terzina finale del Premio nazionale di storia contemporanea Friuli Storia, la cui premiazione si svolgerà il prossimo 4 ottobre a Udine. Il volume è entrato nella lista dei 12 titoli della sezione saggistica che si contenderanno il Premio Biblioteche di Roma 2019 e continua a destare interesse anche per la particolare prospettiva con cui l’immigrazione viene analizzata: una prospettiva che fa emergere chiaramente quanto il fenomeno dell’immigrazione sia già parte della nostra storia da almeno 50 anni. L’Istituto di Studi sul Mediterraneo del CNR si conferma ancora una volta ai vertici della ricerca nel campo delle migrazioni e in particolare della loro storia.

 

 

Il libro in breve

Per la prima volta si propone una ricostruzione storica dell’immigrazione straniera in Italia, a partire dal 1945. Ingressi, flussi, leggi, generazioni, lavori, conflitti e speranze si intrecciano con un ritmo sempre più incalzante fino ad arrivare ai nostri giorni. Il volume traccia la dimensione quantitativa del fenomeno nel corso del tempo e la sua evoluzione, il radicamento sul territorio, le politiche adottate per governarlo, le polemiche che ne sono scaturite, l’impatto che ha avuto sulla società. Le fonti utilizzate sono numerose: dalle inchieste sociali al dibattito politico, dalle testimonianze dei protagonisti alle statistiche, dagli archivi istituzionali fi no alle cronache dei giornali. Ne emerge il profilo sfaccettato di una grande trasformazione, indispensabile per capire l’Italia di oggi.

visita il sito della casa editrice

 

Indice

Prologo

  1. La realtà del dopoguerra

Ricostruzione e migrazioni/I profughi/Il dibattito nella Costituente/Istituzioni e politiche

  1. I primi flussi

Una lenta crescita/Le prime iniziative istituzionali/La concentrazione sul territorio dei primi gruppi

  1. La diffusione sul territorio: dalla crisi degli anni Settanta agli anni Ottanta

L’Italia degli anni Settanta: un mosaico di migrazioni/Aumenta l’attenzione/Le prime indagini/Profughi e rifugiati/I “caratteri originari”/La legge Foschi e le iniziative europee

  1. La svolta: 1989-92

1989: una nuova stagione, tra l’omicidio di Jerry Masslo e il crollo del muro di Berlino/1990: la legge Martelli, Schengen e Dublino/1991: gli arrivi dall’Albania/1992: le scelte sulla cittadinanza e le nuove guerre

  1. Il consolidamento degli anni Novanta

Nuovi flussi, nuove presenze/Il confronto politico/Dalla scuola alla letteratura: vivacità e innovazione

  1. La crescita del Duemila

Una presenza strutturale/La legge Bossi-Fini /L’importanza economica dell’immigrazione/Le seconde generazioni/Gli sviluppi delle politiche migratorie/Da Castelvolturno a Rosarno: la fine di un decennio

  1. Lo scenario recente: crisi e cambiamenti

La crisi economica/Le crisi umanitarie /La crisi delle politiche migratorie/I cambiamenti/Conclusioni. Una trasformazione epocale/Tracce di un lungo percorso/Vittime o carnefici? Oltre il paradigma, un nuovo protagonismo/Una storia di connessioni e trasformazioni/Capire l’immigrazione (e non solo) con la storia dell’immigrazione

Note

Bibliografia

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok