La collana di libri "Tourism Studies in the Mediterranean Region" lancia il suo primo volume:

Post Covid-19 tourism: a pathway towards sustainable development in the Mediterranean region

a cura di
Piera Buonincontri, PhD,
Luisa Errichiello, PhD,
Roberto Micera, PhD

EXTENDED DEADLINE
(for abstract submission):
12th February 2021 

call for paper

Il XXI secolo sarà ricordato come il secolo della pandemia di Covid-19, un evento catastrofico che sta avendo un impatto devastante sulla vita di tutta l'umanità. L'Organizzazione Mondiale del Turismo delle Nazioni Unite (2020) sostiene che "il turismo è uno dei settori più colpiti", essendo altamente vulnerabile alle turbative causate da eventi naturali e umani (Ma et al., 2020; Butler, 2017; Laws et al., 2007; Ritchie, 2004, 2009).
Secondo Rogerson e Baum (2020) l'epidemia COVID-19 sta generando profondi cambiamenti sia nella domanda che nell'offerta turistica. Da un lato, le preoccupazioni per la salute e la sicurezza personale diventano fattori che accelerano il processo decisionale dei turisti. Dall'altro lato, il blocco dei flussi, la chiusura delle frontiere, le restrizioni ai viaggi e alla mobilità e l'allontanamento sociale stanno ponendo le organizzazioni turistiche di fronte a una sfida senza precedenti in un tempo molto breve, che richiede una ridefinizione dei loro modelli di business (Bartik et al., 2020). Allo stesso tempo, come hanno sottolineato alcuni autori (ad esempio Sigala, 2020), se la crisi del turismo è il risultato della pandemia, lo sviluppo incontrollato del turismo ha contribuito alla diffusione dell'attuale epidemia: l'alto livello delle interconnessioni globali, l'enorme produzione di inquinamento e di rifiuti, l'adozione dei valori del capitalismo nel processo decisionale di persone e aziende, così come nelle formulazioni politiche, hanno amplificato gli effetti della pandemia sul settore del turismo a livello globale. In questo contesto, la regione mediterranea è tra le più colpite dalla crisi. In questa regione, è essenziale avviare un processo di ridefinizione e ripensamento del futuro del turismo, per rimanere competitivi nello scenario globale (Ateljevic, 2020; Baum & Hai, 2020; Bianchi, 2020; Romagosa 2020; Tomassini & Carvagnaro 2020; Carr, 2020; Higgins-Desbiolles, 2020).
Nella letteratura scientifica sono stati proposti due approcci opposti come strategie per superare la crisi.
Alcuni autori (Gössling et al., 2020; Hall et al., 2020) si concentrano sull'importanza di essere resilienti, per tornare alla situazione pre-crisi, "come al solito". Questo approccio mette in evidenza il ruolo dei governi e la necessità di interventi politici, senza alcun impegno da parte degli stakeholder a favore di requisiti sostenibili di mitigazione del cambiamento climatico.
Al contrario, alcuni autori affermano che la pandemia ha contribuito alla crescita di una "coscienza globale" in armonia con gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite (Galvani et al., 2020). Secondo questo approccio, la crisi può essere vista come un'opportunità per affrontare meglio la obiettivi di inclusione, sostenibilità e responsabilità.
Abbracciando questa prospettiva, la regione mediterranea dovrebbe considerare questo momento storico come un opportunità di ridisegnare un nuovo modello di sviluppo del turismo e di preparare piani di recupero turistico tenendo conto anche di obiettivi sostenibili coerentemente con gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell'ONU (Commissione mondiale per l'ambiente e lo sviluppo 1987, p.43).
La necessità di riconsiderare lo sviluppo futuro del turismo apre ad aspetti di sostenibilità che possono ora svolgere un ruolo chiave, come la riduzione dell'inquinamento, l'attenzione per l'ecosistema e la biodiversità, l'uso delle risorse naturali, ecc. Rogerson & Baum (2020) sottolineano che un La trasformazione del turismo in questa direzione implica un impegno di tutti gli attori per l'equità (Benjamin et al., 2020), una ricerca verso l'e-tourism trasformativo (Gretzel et al., 2020) e l'assorbimento di diversi valori culturali che garantiscono lo sviluppo a livello comunitario (Carr, 2020).
La necessità di ridisegnare il turismo ha imposto anche di riconsiderare il ruolo dello studioso e dei ricercatori in contribuire a ri-orientare il turismo generando nuove conoscenze sull'uso sostenibile di risorse disponibili e promuovendo nuove idee, modelli, approcci e paradigmi (Gursoy & Chi 2020; Ramagosa 2020; Sigala, 2020).

Obiettivo del 1° Volume

Partendo da questi presupposti, l'obiettivo del primo volume della collana "Tourism Studies in the Mediterranean Region" è quello di offrire prospettive critiche sullo sviluppo sostenibile nei paesi e nelle isole del Mediterraneo e di fornire prove concrete su come la ricerca e la pratica dello sviluppo sostenibile possano sostenere la "nuova normalità" del turismo e la trasformazione strutturale del settore necessaria alla luce della pandemia. L'attenzione si concentrerà sulla forma futura del turismo dopo il COVID-19 e sulle nuove traiettorie evolutive di questo settore sia a livello di business che a livello di destinazioni verso economie turistiche più resistenti e sostenibili.

Argomenti consigliati

Il libro sarà incentrato sui seguenti argomenti:

  • New Business Models for Tourism Sustainable Development
  • Green Strategies and Circular Economy in Tourism industry
  • E-tourism, Smart Tourism Destination and Smart working in the New Normal Tourism
  • Knowledge Transfer and Innovation Management for sustainable development
  • New Normal Strategies, Policies and Decision Making Processes
  • Destination Crisis and Disaster Management for Sustainable Development
  • Tourism Marketing and New tourism experience design
  • The Assessment of the Impacts of Sustainable Tourism Development

 

 

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.